Home Inchieste Doping – Il pilota di Supercross Broc Tickle “Aspetto una risposta da quasi un anno”
Doping – Il pilota di Supercross Broc Tickle “Aspetto una risposta da quasi un anno”
0

Doping – Il pilota di Supercross Broc Tickle “Aspetto una risposta da quasi un anno”

58
0

Non solo Anthony West. C’è un altro caso doping nel motociclismo con tanti, troppi, lati oscuri. È quello del pilota di Supercross Broc Tickle. Questo articolo è tratto da racerxonline.com

Tickle, 29 anni, era un pilota ufficiale del team Red Bull KTM.

Tickle non può correre perché è sospeso provvisoriamente dal 13 aprile 2018. Da quasi un anno intero.

È disoccupato, con un futuro incerto come atleta professionista. Sta ancora aspettando di poter andare in tribunale.

Il 13 febbraio 2018, Tickle è arrivato quinto al San Diego Supercross. In seguito, è stato uno dei dieci piloti sottoposti ai test antidoping dalla FIM. Sei settimane dopo Tickle ricevette un’e-mail, poco prima della conferenza stampa di una gara, dal dipartimento legale della FIM che gli diceva che era stato temporaneamente sospeso, con effetto immediato.

Era risultato positivo allo stimolante methylhexaneamine, che è stato bandito dall’Agenzia mondiale antidoping (WADA). È lo stesso stimolante per cui Anthony West è risultato positivo nel 2012. West è stato inizialmente sospeso dalla FIM per un mese, ma poi la WADA ha chiesto una sentenza più dura davanti alla Corte Arbitrale per lo Sport (CAS). Nonostante l’appello di West, alla fine è stato sospeso per 18 mesi.

Tickle ha subito cercato risposte. “Ho letto l’e-mail ed ero incredulo, tipo, mi stai prendendo in giro. Ho chiamato la squadra, ho chiamato Aldon Baker, ho chiamato tutti “.

Mentre il parcheggio dello stadio si riempiva, Tickle volò a casa per farsi mettere alla prova in un laboratorio. Era risultato pulito e in conformità con il codice WADA. Aveva usato gli integratori che stava prendendo al momento del test e che hanno anche controllato.

Come pilota della Red Bull KTM, Tickle viveva e lavorava presso l’impianto di allenamento della Florida di Aldon Baker insieme al suo compagno di squadra Marvin Musquin. Sia Tickle che Baker hanno affermato di non avere alcuna conoscenza precedente di methylhexaneamine. Baker ha detto che lo aveva cercato su Google per capire che si trattava di uno stimolante vietato. Ad oggi, entrambi dicono di non avere idea di come sia entrato nel sistema di Tickle. Baker dice che qualsiasi integratore che i suoi piloti prendono é testato da un laboratorio indipendente, quindi sa esattamente cosa c’è dentro.

Fino ad oggi, Tickle nega di avere ingerito consapevolmente la sostanza bandita.

“Nella mia posizione, non c’è molto che possa fare e per questo sono così arrabbiato” dice Tickle nella sua crescente frustrazione. “Non ho alcun potere per dire cosa fare o come farlo”.

(58)