Home Automobilismo Formula 1 Michael Schumacher – Ecclestone offre un barlume di speranza
Michael Schumacher – Ecclestone offre un barlume di speranza
0

Michael Schumacher – Ecclestone offre un barlume di speranza

0
0

Esiste realmente un barlume di speranza per la ripresa di Michael Schumacher oppure è l’ennesima notizia infondata? Difficile dirlo ma ci sembra opportuno riportare le ultime .  

Noi ci limitiamo a tradurre l’articolo pubblicato dal Mirror e che potete leggere a questo link.

Bernie Ecclestone ha fornito un aggiornamento positivo sulla salute di Michael Schumacher e crede che il campione di Formula 1 si possa riprendere.

L’eccezionale intuizione sulle condizioni di Schumacher è stata data da Ecclestone in un film documentario intitolato “Schumacher”. Il film uscirà il 5 dicembre nei paesi di lingua tedesca, con i diritti per i paesi stranieri ancora in fase di vendita.

Ecclestone
Bernie Ecclestone

Il film ha avuto il pieno sostegno della moglie di Schumacher Corinna e del resto della famiglia poiché illustrerà la vita unica e la carriera di Michael.

In un trailer per il documentario, che è stato condiviso con i media tedeschi, l’ex CEO di F1 Bernie Ecclestone ha rilasciato una dichiarazione sulla salute di Schumacher.

A quanto riferito, Ecclestone ha detto: “Non è con noi in questo momento. Ma quando starà meglio  risponderà a tutte le domande “.

La dichiarazione è stata diffusa dai registi Michael Wech e Hanns-Bruno Kammertoens mostrando le montagne innevate.

Secondo i media locali, la dichiarazione di Ecclestone fornisce sia paure che speranza.

Un quotidiano tedesco ha scritto che “evidenza quanto le conseguenze dell’incidente sugli sci influenzino ancora la vita di Schumacher a cinque anni di distanza”, mentre la seconda frase di Ecclestone “dà speranza di una ripresa positiva”.

La famiglia e il management di Schumacher sono stati finora estremamente riluttanti a condividere qualsiasi informazione sulle condizioni di Michael.

Schumacher è attualmente in cura nella sua casa in Svizzera, sulle rive del Lago di Ginevra, dove sua moglie Corinna ha costruito una clinica interna e creato un team di medici e infermieri per supervisionare il suo trattamento e la riabilitazione.