Home Automobilismo Perchè San Marino non organizza una gara di Formula E ? Quanto dovrebbe spendere per un E-Prix?
Perchè San Marino non organizza una gara di Formula E ? Quanto dovrebbe spendere per un E-Prix?

Perchè San Marino non organizza una gara di Formula E ? Quanto dovrebbe spendere per un E-Prix?

105
0

“Perché la Repubblica di San Marino non organizza un Gran Premio di Formula E invece d’investire nel Gran Premio di MotoGP che si corre a 40 Km di distanza?” È  una domanda ricorrente sui social.

Dopo enorme successo di pubblico dell’ultimo Rallylegend, tanti sammarinesi invocano l’organizzazione di nuovi, importanti, eventi motoristici sul Titano ed il primo che viene in mente è proprio un E-Prix.

San Marino è in piena campagna elettorale, l’8 dicembre ci saranno le elezioni per il rinnovo del parlamento. È probabile che a qualche partito, o singolo candidato, possa venire in mente di promettere un E-Prix di San Marino. Facciamo luce allora sulla situazione, senza che qualcuno possa illudersi e credere alle favole.      

Le cifre ufficiali per poter ospitare un Gran Premio di Formula E vanno da 10 a 15 milioni di euro da versare al promotore. 

A queste si aggiungono tutti i costi per la realizzazione del circuito cittadino e per l’organizzazione della gara quindi si stima un esborso superiore ai 20 milioni di euro.

Ora, se pensiamo che  il contributo economico di San Marino per il Gran Premio di MotoGP è di circa 300 mila euro, ipotizzare di lasciare la MotoGP per organizzare una gara di Formula E è fantascienza.  

E-prix

Tra l’altro, l’indotto generato dal mondiale di auto elettriche in questo momento è piuttosto scarso.

Il pubblico degli E-Prix è mediamente sui 35 / 40 mila spettatori, in pratica meno della metà degli appassionati che hanno seguito l’ultimo Rallylegend. A tal proposito, non sono ancora stati comunicati i dati ufficiali. Dalle prime stime sembra che l’ultima edizione del Rallylegend abbia stabilito il record di pubblico con circa 80 mila appassionati.

Rallylegend

San Marino può, anzi, deve puntare sul motorsport in territorio con eventi storici, rally, raduni, esibizioni anche gare mondiali di motocross e di trial. Non può pensare, però, di organizzare eventi che abitualmente si svolgono in capitali quali New York, Parigi, Londra, Roma, Berlino…

Marianna Giannoni

Foto: Twitter Formula E

(105)