Home Motociclismo 2005 – Stefano Bianco ed il Gold Racing, tra gioia e lacrime
2005 – Stefano Bianco ed il Gold Racing, tra gioia e lacrime
0

2005 – Stefano Bianco ed il Gold Racing, tra gioia e lacrime

68
0

Stefano Bianco ci ha lasciato. E’ morto oggi in un incidente stradale. La mente vola indietro di 15 anni. Ero l’addetta stampa del Gold Racing Team.

Ad inizio anno, il team manager, Stefano Cecchini, mi comunica raggiante che ha ingaggiato Stefano Bianco per il CEV. Bianco è un autentico talento, un fenomeno. Nel CEV è salito sul podio in quasi tutte le gare, collezionando una serie impressionante di secondi posti. Per prima volta nella storia un pilota italiano, con un team italiano ed un’Aprilia brilla nel CEV. All’ultima gara le lacrime.

Bianco è stato investito a Jerez ed è grave. Il dolore e la rabbia.

Questo il comunicato.

28 novembre 2005 – Evidentemente un team italiano con un pilota italiano non può aggiudicarsi il Campionato Spagnolo 125cc . Era la prima volta che una squadra della Penisola aveva concrete possibilità di vincere, ma alla partenza dell’ultima gara ieri a Jerez Stefano Bianco è stato centrato da dietro dal pilota spagnolo Daniel Saez, riportando una doppia frattura a bacino e femore con interessamento della vescica. Le sue condizioni sono gravi. Bianco è ricoverato in ospedale in Spagna dove dovrà rimanerci per alcuni giorni prima di poter essere trasportato in Italia. Il campionato è stato falsato da un gesto deplorevole da cui è scaturita poi una caduta collettiva che ha coinvolto numerosi piloti. Bianco è stato quindi retrocesso in terza posizione in classifica finale dopo essere stato per tutta la stagione o al primo o al secondo posto”.

Dopo questo comunicato lo avevo perso di vista. L’anno dopo era rimasto fermo ma era stata molto felice di vederlo nel Mondiale nel 2007. Ero convinta riuscisse a diventare una stella, aveva un enorme talento ma non aveva fortuna e non aveva budget. Onorata però di averlo conosciuto ed in qualche modo di avere percorso assieme a lui qualche chilometro di vita.

Marianna Giannoni

(68)