1. Home
  2. Automobilismo
  3. Rally
  4. Diana tra i protagonisti più attesi del Campionato Italiano Rallycross
Diana tra i protagonisti più attesi del Campionato Italiano Rallycross
0

Diana tra i protagonisti più attesi del Campionato Italiano Rallycross

2
0

Paolo Diana parteciperà al Campionato Italiano Rallycross 2021. Sarà al volante dell’Alfa Romeo Mito della Tedak Racing.

Paolo Diana ed Andrea Carretti collaborano già da tempo per la realizzazione di una nuova 131, totalmente ridisegnata, che debutterà quest’anno nei rally italiani ed internazionali.

Tra di loro è si è sviluppata un’ottima sinergia ed hanno deciso di estenderla anche ad altri ambiti e partecipare assieme all’RX Italia con una Mito 1600 “griffata” Diana31.  Paolo Diana è all’esordio assoluto in questa specialità  che si svolge all’interno di autodromi a fondo misto, circa il 40% sterrato ed il restante 60% in asfalto. Le gare sono estremamente spettacolari, ricche di bagarre, salti, traversi…

Il Campionato Italiano Rallycross è organizzato dallo Sport Club Maggiora. La prima gara si svolgerà proprio a Maggiora (Novara) il 4 e 5 aprile. Tedak Racing dispone anche di un’altra Alfa Romeo Mito e il suo auspicio è schierare entrambe le auto in tutte le gare del campionato.

“Sono felice di partecipare al Campionato Italiano Rallycross – afferma Paolo Diana – per me è un’esperienza totalmente nuova che mi attira e incuriosisce molto. Non so cosa aspettarmi a livello di risultati ma sono certo che mi divertirò. Le gare sono brevi ma emozionanti, adrenaliniche… Io amo lo spettacolo e il rallycross è certamente la specialità automobilistica più spettacolare in assoluto. Con Tedak Racing si è instaurato un ottimo rapporto di collaborazione ed a breve spero di svelare qualche dettaglio relativo al nuovo 131, il mio progetto prioritario del 2021”.

Nelle prossime settimane ci saranno anche altre interessanti novità che verranno svelate in corso d’opera sia attraverso i comunicati stampa che sui social Diana31. Il 2021 vuole essere un po’ l’anno della rinascita dopo un 2020 pesantemente condizionato dalla pandemia. Certo, ancora non si può tornare alla normalità ma si possono creare le fondamenta per un brillante futuro. 

(2)